Lifergy.net

cittadini

Sostenibilità e cambiamento climatico nella vita di tutti i giorni

La casa è il primo responsabile dei nostri consumi energetici e delle nostre emissioni.

Una casa in bassa classe energetica (G o F) arriva a consumare (solo per la climatizzazione) fino a 200-250 kWh/m2 di energia primaria ogni anno.

Questo significa (per una casa da 100 m2 alimentata a gas naturale) un’emissione di circa 4-5 tonnellate di CO2 ogni anno.

Una casa in elevata classe energetica può arrivare a consumare fino a 8-10 volte di meno!

Oggi puoi efficientare la tua abitazione sfruttando l’EcoBonus al 110%! Rivolgiti ad un esperto per avere informazioni!!

Gli spostamenti pendolari in auto sono un’altra sorgente enorme di emissioni. Considerando una media di 30 km al giorno per 280 giorni lavorativi in un anno percorsi con un’auto Euro 3 (170 g/km) si emettono circa 1,4 tonnellate di CO2 ogni anno.

Praticando lo Smart Working è possibile ridurre sensibilmente i propri spostamenti e le emissioni. 

Preferire la bici oppure i trasporti pubblici per gli spostamenti in città.

I voli aerei sono un’altra causa di emissioni, un volo A/R Roma-New York emette circa 2 tonnellate di CO2, dobbiamo ridurre al meno possibile gli spostamenti in aereo utilizzandoli solo quando davvero indispensabili.

Ridurre al minimo il consumo di carne rossa, la produzione di 1 kg di carne di bovino causa l’emissione di circa 60 kg di CO2eq

Favorire invece il consumo di alimenti di origine vegetale e di carni bianche (la produzione di 1 kg di carne di pollo causa l’emissione di circa 6 kg di CO2eq).

Dietro l’acquisto di ogni prodotto si nascondono delle emissioni di CO2, dobbiamo essere consapevoli che i livelli attuali di consumo di materie ed energia non sono più sostenibili.

Ad esempio:

Dobbiamo acquistare meno prodotti ma di qualità in modo che durino a lungo nel tempo, che siano riparabili e riciclabili

Le 4 azioni raccontate da Luca Mercalli, possiamo fare qualcosa tutti noi a partire da oggi!

Qual'è la tua Impronta di Carbonio?

Sono disponibili molti calcolatori dell’impronta di carbonio del nostro stile di vita.

Vediamone alcuni:

Cosa succede nel mondo?

Quanto posso ridurre la mia impronta di carbonio?
Cosa posso fare per avere uno stile di vita più sostenibile?
Ci sono 4 ambiti su cui puoi agire subito!

Efficienza energetica casa

Efficientano energeticamente la tua casa puoi arrivare a ridurre drasticamente i tuoi consumi di energia e le relative emissioni di anidride carbonica.

Ridurre i trasporti

Lo smart working può permettere di ridurre le emissioni dovute a trasporti pendolari. Dobbiamo inoltre favorire la mobilità dolce sostituendo alle strade le piste ciclabili. I viaggi aerei devono essere ridotti al minimo indispensabile.

Cambiamento della dieta

Consumando meno carne rossa puoi ridurre molto le emissioni di anidride carbonica associate alla filiera agroalimentare e al consumo di suolo.

Ridurre consumo di oggetti

Ogni oggetto che compriamo nasconde un consumo di materie prime e delle emissioni di anidride carbonica. Comprando solo ciò che riparabile, riusabile e riciclabile orientiamo le aziende alla circolarità

Ma perché dovrei se nessun'altro nel mondo lo fa?
PER ESSERE PIU' RESILIENTE!

Cosa vuol dire NON ESSERE RESILIENTI?

Durante la crisi Greca fu imposto ai cittadini un aumento del 100% sul prezzo del gasolio per il riscaldamento domestico. La reazione fu un drastico calo dei consumi di gasolio. I Greci  cominciarono a scaldare le proprie abitazioni bruciando legna di contrabbando ottenuta dalla deforestazione abusiva. Ad Atene l’aria divenne irrespirabile e le concentrazioni di ossidi di azoto, particolato e monossido di carbonio salirono ben oltre i limiti di sicurezza mettendo in crisi il sistema sanitario.

Come si sarebbe potuto evitare?

Un parco edifici energeticamente efficiente e alimentato con sistemi a fonti rinnovabili non sarebbe stato soggetto a queste criticità. Non vi sarebbe stato alcun bisogno di bruciare legna di contrabbando siccome l’energia per scaldare le abitazioni e garantire acqua calda sarebbe arrivata direttamente dal sole o dal vento.